L’arte del riciclo con il vetro – seconda parte

di | Pubblicato il 10 settembre 2014

Riciclare in modo creativo la plastica, e in particolar modo le bottiglie di plastica, è più semplice del riciclare il vetro in quanto la materia prima è più duttile e sottile. Nonostante lo spessore e la durezza delle bottiglie o dei barattoli di vetro, ci sono, tuttavia, diversi metodi per poterli sfruttare in modo alternativo e creare veri e propri oggetti di design o di uso comune originali e utili.

Utilizzare le bottiglie intere può dare origine a innumerevoli mobili e utensili dei quali, di seguito, ne riportiamo alcuni tra i più rappresentativi.

 

Un primo esempio è la sedia sdraio costituita di bottiglie di vetro al posto del legno. La struttura è fatta in metallo, ma le bottiglie costituiscono la seduta e lo schienale. Non sarà molto comoda e confortevole, ma è molto originale estylish!

 

Il tavolino da caffè è costituito da bottiglie di birra unite insieme a forma piramidale ed è in grado di sostenere circa 90 kg di peso. Un’idea originale per i tanti bar e caffetterie che ci sono in tutto il mondo!

 

Per l’arredamento di casa, un originale tavolino basso realizzato a mano, utilizzando i fondi di diverse bottiglie di vari colori per la parte superiore e acciaio (rigorosamente riciclato anch’esso!) per la struttura. Ogni tavolo diventa così un pezzo unico!

Anche una parete di cemento può diventare originale inserendo dei fondi di bottiglia colorati di diverse forme! Oppure una parete con effetto vetrata che lasci filtrare la luce anche attraverso la divisione muraria.

Utilizzare materiale di riciclaggio per realizzare alberi di Natale particolari e personalizzati è un’abitudine sempre più diffusa. Particolarmente suggestivi sono quelli realizzati con bottiglie di vino o birra, sia da abitazione sia da esterno. A fondo pagina alcune foto tra le più belle del web.

 

Ci sono poi tante idee per l’arredamento: scaffali, soprammobili, appendiabiti, lampade, bicchieri, taglieri, vassoi e molto altro ancora… davvero un’esplosione di creatività e di arredamento eco-sostenibile fai-da-te! Qualche tecnica per lavorare il vetro da riciclare e la contaminazione con qualche altro materiale naturale o proveniente da riciclo e il gioco è fatto!

Non ci si deve infatti spaventare pensando che il vetro sia difficile da lavorare: in realtà tagliare in due parti una bottiglia di vetro è più semplice e meno pericoloso di quanto si possa pensare! Bastano un filo di cotone (o di canapa), un tagliavetro, alcol, della carta abrasiva, un accendino e un recipiente profondo che andrà riempito con acqua fredda e ghiaccio. Il procedimento è semplice: prima di tutto, per procedere in assoluta tranquillità e sicurezza, è consigliato indossare guanti e occhiali protettivi. Si inizia poi con il tracciare la parte in cui si vuole praticare il taglio con un tagliavetro, si continua bagnando il filo a disposizione con l’alcol e legandolo intorno alla bottiglia nel punto in cui è stata effettuata l’incisione. In seguito si dà fuoco al filo, facendo ruotare la bottiglia fino a che il fuoco non si spegne. È possibile quindi immergere la bottiglia, fino al punto in cui si vuole dividerla, nel recipiente contenente acqua fredda e ghiaccio. Lo sbalzo termico repentino dividerà la bottiglia nelle due parti desiderate. A questo punto sarà sufficiente passare la carta abrasiva sul bordo, per evitare che resti irregolare e possa diventare tagliente. Questa procedura può essere utilizzata più volte per creare le forme che servono per le varie cose da realizzare!

Se poi avete il “pollice verde”, potete sbizzarrirvi anche in giardino con numerose idee originali che lo renderanno davvero unico: vialetti, aiuole, lampade, portafiori, fontane e gazebo realizzati utilizzando sempre bottiglie di vetro, possibilmente di diversi colori, perché più sono colorate, più suggestivo è l’effetto dei raggi del sole che vi passano attraverso.

E non bisogna pensare che certe cose vengano realizzate solo da chi ha una certa manualità o immaginazione: il semplice “riuso” in alcuni casi è davvero strabiliante! Come ad esempio quello dei barattoli che si trasformano in porta-sapone, porta-foto o palle di Natale e delle provette da laboratorio riempite con liquidi di vari colori e trasformate in lampadario o trasformate in originali portaspezie.

Tratto da . Scarica il numero in formato pdf.