Natale… tra le righe

di | Pubblicato il 18 dicembre 2017

Il canto di Natale, di Charles Dickens

Scritto nel 1843 da uno dei maggiori rappresentanti della letteratura inglese, il capolavoro di Dickens è il libro natalizio per antonomasia, dal quale sono state tratte numerose rivisitazioni cinematografiche, inclusa quella firmata Walt Disney. Una grande storia sulla possibilità di cambiare il proprio destino, ma soprattutto una favola, una delle più commoventi che siano mai state scritte. Protagonista è il vecchio e tirchissimo finanziere Ebenezer Scrooge che, nella notte di Natale, viene visitato da tre spettri: quello del passato, quello del presente e quello del futuro. Attraverso la ricomposizione dei ricordi, la restituzione del senso stesso della propria storia, Scrooge subirà un cambiamento radicale, una conversione così umana da renderlo uno dei personaggi letterari più amati di tutti i tempi.

Il caso del dolce di Natale, di Agatha Christie

«Questo libro è come un pranzo di Natale preparato da un vero chef. E lo chef sono io!» Così Agatha Christie presenta la sua raccolta in sei gustosissime portate: dall’antipasto al dessert, sei indagini dell’inossidabile Poirot e della solo apparentemente innocua Miss Marple, alle prese di volta in volta con rubini scomparsi, omicidi simulati o reali, inquietanti sogni premonitori, un cadavere ritrovato in una cassapanca, una coppia di sposi particolarmente litigiosa, un anziano signore dalla candida barba e dalle abitudini alimentari troppo prevedibili. E un cesto di erbe selvatiche che svela le trame di un assassino… Sei impeccabili, fulminanti meccanismi narrativi che nella rapida misura del racconto trovano la loro perfetta espressione.

Vita e avventure di Babbo Natale, di L. Frank Baum

Pubblicato per la prima volta nel 1902, due anni dopo Il mago di Oz, questo libro racconta la storia del personaggio più amato di tutti i tempi: dalla sua infanzia nella foresta incantata di Burzee, la stessa da cui nascono tutti i magici protagonisti del Mago, al desiderio di dedicare la propria vita a regalare e a recapitare doni agli altri.

Tra giocattoli di legno e creature fatate, il lettore viene guidato alla scoperta di molti segreti del Natale: l’origine dell’uso dell’albero e della calza, il motivo per cui Babbo Natale scende dal caminetto, come sia possibile che, in una sola notte, consegni da solo i regali a tutti i bambini del mondo e altro ancora. Un racconto adatto a tutti, grandi e piccini, capace di far rivivere l’incanto, il calore e la fantasia che hanno fatto del capolavoro di Oz un classico della letteratura americana.

Storie di Natale, di AA. VV.

Giosuè Calaciura, Andrea Camilleri, Francesco M. Cataluccio, Alicia Giménez-Bartlett, Antonio Manzini, Francesco Recami, Fabio Stassi: sette maestri del giallo che raccontano il Natale da altrettanti punti di vista, per una raccolta inusuale sulla festività più tradizionale. Ciascuno di loro declina il Natale a suo modo, offrendo al lettore un campionario molto vario delle possibili versioni del classico racconto. Alla fine il risultato è un Natale che si sfilaccia, si deforma e trasfigura in base al variare delle vite di oggi. Un Natale che si adatta ai tempi tragicomici della nostra quotidianità, lasciando sempre un sapore dolce e amaro.

Fuga dal Natale, di John Grisham

Questo non sarà un Natale come tutti gli altri, per la coppia Krank: la giovane figlia Blair è appena partita per un periodo di volontariato in Perù e Nora e Luther, i genitori, dovranno affrontare il caos degli impegni natalizi da soli. Se lei è preoccupata per la sorte della ragazza in un paese così lontano, lui è più preoccupato per i soldi che dovranno spendere per le imminenti festività, senza contare tutti i riti stucchevoli tipici del Natale, le visite di finta cortesia, i regali inutili, gli addobbi, la competizione con i vicini etc. È proprio per sopravvivere a tutto ciò che Luther partorisce la più bizzarra e geniale delle idee: fuggire dal Natale! Quest’anno i Krank andranno in crociera ai Caraibi, ma il vicinato e la comunità molto tradizionalista in cui vivono non sembra approvare la loro decisione.

Uno stupido angelo. Storia commovente di un Natale di terrore, di Christopher Moore

Qualche giorno prima di Natale, nel piccolo villaggio di Pine Cove gli abitanti sono impegnati nei preparativi frenetici per la festività. Alla ricerca di un pino da utilizzare come abete natalizio, Lena decide di rubarne uno dal terreno del suo ex marito ma, colta sul fatto dall’uomo, in stato di ebbrezza e vestito da Babbo Natale, lo uccide con un colpo di pala sulla testa. Alla scena assiste il piccolo Joshua Barker, il quale si convince che Babbo Natale è stato ucciso ed esprime il desiderio di riportarlo in vita per non dover rinunciare ai regali. Purtroppo il desiderio viene affidato all’arcangelo Raziel, non propriamente sveglio che sbadatamente resuscita tutti i morti del cimitero della piccola cittadina innescando un divertente carosello di zombie.

A casa per Natale, di David Baldacci

Dopo essere stato interdetto ai voli per gli Stati Uniti, Tom Langdon decide di prendere il treno da Washington a Los Angeles per raggiungere la fidanzata che lo aspetta per Natale. Non ha il minimo sospetto che da quel lungo viaggio pieno di eventi, bizzarri ma anche drammatici, uscirà profondamente cambiato. La varietà degli incontri e delle esperienze, che sembrano orchestrati da una casualità quasi magica, lo porteranno a rivedere sotto una luce diversa tutta la sua vita, a svelare come davanti a uno specchio segreto i grovigli della propria anima, a recuperare ciò che pensava di aver irrimediabilmente perduto.

Tratto da . Scarica il numero in formato pdf.