Archivio:

Il rasoio di Occam Ovvero: elogio della semplicità

di and | Pubblicato il 18 dicembre 2017
Tag:

Chi di noi non ha mai usato un navigatore satellitare, Google Maps, Waze, Here, o altre simili applicazioni? Ricorriamo spesso a queste tecnologie, senza mai renderci conto della spaventosa complessità delle macchine e dei software che ci permettono di godere di questo servizio: reti di satelliti geostazionari, tecnologie avanzate di comunicazione, sofisticati algoritmi, banche dati […]

Le parolacce nella comunicazione Istruzioni per l'uso

di and | Pubblicato il 22 settembre 2017

Come osservava agli inizi del ‘900 il neurologo inglese John Hughlings Jackson: «la prima volta che gli uomini, invece di aggredirsi con pietre e frecce, si sono presi a male parole la civiltà ha fatto un enorme balzo in avanti». Tuttavia, nonostante questa funzione civilizzatrice, le parolacce hanno sempre costituito un tabù e sono state […]

Combatti e impara, oppure fuggi e peggiora

di | Pubblicato il 22 giugno 2017
Tag:

Tutti hanno, almeno una volta nella vita, sperimentato qualche situazione critica, o qualche sconfitta. Siamo stati scavalcati in una promozione, il nostro progetto è stato abbandonato a favore di quello promosso dal nostro rivale, abbiamo perso influenza sulle decisioni, molte delle persone che credevamo vicine ci hanno abbandonato. La varietà di queste situazioni, potenziali fonti […]

Affabulazione e leadership Ovvero: perché nessuno può resistere a un cantastorie

di | Pubblicato il 21 marzo 2017

In tutta la storia dell’uomo i racconti hanno giocato un ruolo importante. Le storie sono lo strumento narrativo a cui siamo più abituati: sono state il mezzo attraverso il quale ci siamo relazionati alle più grandi paure e gioie durante l’infanzia, sono usate spesso e in modo naturale nei processi di interazione sociale quotidiana (si […]

Sviluppo o collasso? Discorso su singolarità, complessità e stupidità

di | Pubblicato il 18 dicembre 2016

«Il più grande limite della razza umana è la nostra incapacità di comprendere la funzione esponenziale». Questa frase, che riprendiamo dall’ultimo editoriale, è di Albert A. Bartlett (1923-2013), professore di fisica nell’Università del Colorado a Boulder, il quale ha studiato a lungo la crescita della popolazione e dei consumi di energia sottolineando il fatto che […]

Big Data e referendum Leggere la mente collettiva tramite Twitter

Quali sono le cose che attirano la nostra attenzione al punto tale da condividerle con gli altri? Usiamo Twitter, Facebook e altri social media per comunicare ciò che “vediamo” accadere nel mondo, o ciò che vorremmo accadesse; esprimiamo in questo modo nostri punti di vista e desideri. Interpretiamo e diamo un senso alla realtà grazie […]

Tecnologia, aritmetica e risorse: ragionamento sui futuri possibili

di | Pubblicato il 6 ottobre 2016

Nel 1779 Ned Ludd, un giovane operaio inglese, distrusse un telaio in segno di protesta contro i bassi salari e la disoccupazione generati dalla rivoluzione industriale. Non è certo che Ludd sia veramente esistito; certo è, però, che a suo nome si ispirò un movimento di protesta operaio che nel periodo 1811-1813 generò, specialmente in […]

La leadership, il porcospino e il futuro immaginato

di | Pubblicato il 8 luglio 2016

Nessuno, individuo o impresa, università o ente, può avere successo duraturo se non c’è nella sua cultura un genuino interesse e una vera passione per ciò che sta facendo. Le imprese eccellenti, anche se giovani e con poca tradizione alle spalle, sono quelle che coltivano con puntiglio i valori che ne sono il fondamento e […]

La visione e la leadership

di | Pubblicato il 15 marzo 2016

Nella vastissima letteratura sulla leadership la visione, unanimemente riconosciuta come componente essenziale, ha una grande varietà di definizioni e interpretazioni. Tutte fanno riferimento al concetto di “segnale di direzione” per coloro che hanno bisogno di capire il traguardo da raggiungere e la strada che l’organizzazione intende percorrere. Tuttavia, quasi sempre, si tratta di definizioni poco […]

Leadership, complessità e reti

di | Pubblicato il 15 dicembre 2015

In precedenti editoriali abbiamo parlato delle tecniche per influenzare i comportamenti all’interno di organizzazioni complesse facendo leva sui “primi birilli”, termine introdotto da Chan Kim e Mauborgne (2005) per indicare quegli individui che a causa della loro posizione nel sistema di relazioni, soprattutto informale, esercitano una notevole influenza su molte altre persone. Essi costituiscono quindi […]